Ettore Favini pone al centro di numerosi progetti l’ ambiente, soggetto protagonista e mezzo di indagine nel suo rapporto con l’uomo: la fruizione delle sue opere diventa un modo di riappropriarsi dello spazio pubblico. La memoria, storica e individuale è il fulcro di un percorso che muove da un’ispirazione autobiografica e arriva ad elaborare temi universali, quali tempo ed esistenza.

Denis Isaia, ricercatore culturale e curatore d'arte contemporanea, la sua indagine si concentra prevalentemente sulla valorizzazione di nicchie culturali non sistematizzate e di pratiche culturali orientate alla commistione. Da marzo 2014 è curatore presso il Mart di Rovereto.

6/7 settembre 2014, Gallerie di Piedicastello, Trento.
"Lontano da dove" ciclo di conferenze, organizzate con professionaldreamers e con il contributo della Fondazione Caritro e di workshop.
Scopo del progetto è esplorare il rapporto tra arte e sfera pubblica, nelle sue declinazioni relative al territorio e al paesaggio, all'identità e all'intercultura. Con questo fine si propone ai partecipanti un lavoro di ricerca-azione condotto dagli artisti che hanno aderito al progetto. Il percorso prevede quattro tappe, ognuna delle quali è coordinata da uno degli artisti, che fa della relazione tra arte e sfera pubblica il campo della sua indagine, e porterà sia la sua esperienza metodologica che lo sguardo particolare con cui interpreta le pratiche culturali, sociali e politiche emergenti nello spazio pubblico.
I partecipanti al termine del lavoro avranno acquisito informazioni, conoscenze e competenze relative all'azione artistica nella sfera pubblica. Allo stesso tempo, essendo il lavoro organizzato in forma laboratoriale, tale risultato sarà anche l'esito del contributo di ciascuno all'interno del gruppo di ricerca.

workshop con Ettore Favini


museo@wunderkammer.tn.it | Wunderkammer Trento Collezione di immaginari urbani