"Lontano da dove" ciclo di conferenze organizzate con Professionaldreamers e con il contributo della Fondazione Caritro.
Quattro discussioni pubbliche con artisti ed esperti di nota fama su un panorama nazionale ed internazionale, selezionati per il senso dei loro interventi nella sfera pubblica (intesa in senso ampio come contesto sociale, relazionale, comunitario), ovvero per la dimensione interattiva del loro operare con le cittadinanze e con le comunità.
I quattro incontri sono stati curati da professionaldreamers ed articolati come dialogo in tandem con il collettivo artistico, come una parte importante di ricerca e di coinvolgimento pubblico, nell’accezione più estesa di arte civica. Gli studiosi/e coinvolti, più radicati/e nella realtà locale trentina, si sono preoccupati di leggere le esperienze di cui gli artisti invitati sono stati portatori con le potenzialità (locali e globali) dell'arte civica nella costruzione dei processi di cittadinanza. LONTANO DA DOVE
1° incontro 12 aprile 2014:
tema: La città multiculturale
Ospite: FRANCESCO CARERI, fondatore di Stalker Osservatorio Nomade, si occupa della città multiculturale, dell’abitare informale e dell' abitare dei Rom con azioni di arte pubblica, studi e progetti. Con il Laboratorio di arti civiche, sperimenta la pratica estetica del camminare analizzando e interagendo in situ con i fenomeni urbani emergenti. E’ autore di «Walkscapes. Camminare come pratica estetica» edito da Einaudi.
in dialogo con Cristina Mattiucci, membro di professionaldreamers.
2° incontro 17 maggio 2014:
tema: L’autoproduzione del quotidiano
Ospite: STEFANO BOCCALINI, docente di Arte Pubblica. Riflette nel suo lavoro sul rapporto con lo spazio in relazione alla complessità dei fattori che lo determinano, dall'architettura all'antropologia, fino alla natura capitalistica dei processi economici attuali. La svolta linguistica dell’economia e le sue ricadute simboliche e sociali nella pervasività finanziaria, svelano dinamiche su cui il suo lavoro ragiona criticamente. In dialogo con CHRISTIAN MARAZZI economista e filosofo svizzero, ha insegnato all' Università di Losanna e Ginevra, attualmente è docente all' Università di scienze applicate della Svizzera italiana. Analizza il sistema della finanza nell'epoca del capitalismo postfordista.
3° incontro 13 settembre 2014:
tema: Il confine e la memoria storica
Ospite: ETTORE FAVINI, artista.
Pone al centro di numerosi progetti l'ambiente, soggetto protagonista e mezzo di indagine nel suo rapporto con l'uomo: la fruizione delle sue opere diventa un modo di riappropriarsi dello spazio pubblico. La memoria, storica e individuale, è il fulcro di un percorso che muove da un'ispirazione autobiografica e arriva ad elaborare temi universali, quali tempo ed esistenza.
In dialogo con DENIS ISAIA, ricercatore culturale e curatore d'arte contemporanea al MART, fa parte del board curatoriale del Docva Documentation Center for Visual Art, co-curatore di Live works-Performance act award. La sua indagine si concentra prevalentemente sulla valorizzazione di nicchie culturali non sistematizzate e pratiche culturali orientate alla commistione.
4° incontro 25 ottobre 2014: tema: Vite in transito Ospiti: ADRIAN PACI, docente alla Naba di Milano. Nella sua ultima opera filmica, The Column, con una potente metafora mette in questione la trasformazione delle tradizioni e il confronto tra culture, la de-localizzazione del lavoro e il movimento costante, sia quello dei popoli attraverso le frontiere geo-politiche sia quello della memoria personale. in dialogo con MARCO SCOTINI, Advisor dell’Area di Arti Visive NABA e curatore dell’Archivio Gianni Colombo di Milano. Critico d’arte e curatore indipendente. È direttore della rivista No Order. Art in a Post-Fordist Society, pubblicata da Archive Books (Berlino).

Lontano da dove


museo@wunderkammer.tn.it | Wunderkammer Trento Collezione di immaginari urbani