Le pareti esterne della chiesa di Sant'Apollinare sono state realizzate durante il XIV secolo reimpiegando nella costruzione significativi frammenti architettonici decorati e iscrizioni di età romana. È opinione comune che i frammenti giungano dallo smantellamento di edifici pub-blici posti nella zona di Santa Maria Maggiore, da cui provengono cospicue testimonianze in tal senso. Secondo l’interpretazionedi
N. Rasmo, i frammenti in prima battuta sarebbero stati usati per costruire un possente muro eretto alla base del Doss Trento in età tardoromana; in un secondo momento, parzialmente abbattuta questa struttura, sarebbero confluiti nella fabbrica della chiesa trecentesca.

I frammenti romani vennero inseriti nelle mura esterne della chiesa con l'intento di esporle al pubblico.
Ciò fa presupporre che le pietre fossero già considerate reperti. In tal senso si propone di considerare la chiesa di Sant'Apollinare il primo museo della città.

il primo museo

Datazione XIV secolo
ProvenienzaTrento
Materia e tecnicapietra
Basemura perimetrali della chiesa di Sant'Apollinare
DeterminavitWilliam Belli
LegitComitato scientifico
Compilatore schedaComitato scientifico
Data10 giungno 2014


museo@wunderkammer.tn.it | Wunderkammer Trento Collezione di immaginari urbani